Arriva a Torino il Bike Sharing a flusso libero

Bike sharing free floating Gobee Bike Torino Città

Un operatore privato di bike sharing a flusso libero inizierà nei prossimi giorni un servizio pilota nella città di Torino. Allo scopo di regolamentare e integrare ai servizi di trasporto urbano i servizi di biciclette condivise cittadini, come già fatto dalle città di Milano e Firenze, e di contingentare il fenomeno ponendo in primo piano l’interesse dei cittadini – utenti dei servizi offerti, nelle prossime settimane la Città di Torino pubblicherà una manifestazione di interesse rivolta a operatori privati intenzionati a gestire nel territorio cittadino un servizio free floating di biciclette condivise.

Nel free floating, le biciclette non sono posizionate in “stazioni”, come nel bike sharing tradizionale, ma sparse nelle strade della città e gestite attraverso dei lucchetti elettronici dotati di gps e wireless.

L’Amministrazione ha dunque l’intenzione di dotarsi di questo sistema innovativo di mobilità urbana, coerentemente con le linee di indirizzo politico amministrativo che punta alla promozione di una mobilità sempre più green e attenta all’ambiente. La bicicletta è un efficace mezzo per contrastare l’inquinamento atmosferico urbano e strumento di mobilità attiva per una città sempre più efficiente.

Tratto da Comune di Torino

Condividi

Pubblicita'

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Che cosa sono i Cookie? (da wikipedia)

Un cookie è un header aggiuntivo presente in una richiesta (Cookie:) o risposta (Set-cookie:HTTP: nel caso il server voglia assegnare un cookie all'utente, lo aggiungerà tra gli header di risposta. Il client deve notare la presenza del cookie e memorizzarlo in un'area apposita (in genere, si utilizzava una directory dove ogni cookie veniva memorizzato in un file, Attualmente i cookies sono gestiti in maniera molto più evoluta, in un unico file, per esempio Mozilla e Chrome usano SQL - SQLite). Il cookie è composto da una stringa di testo arbitraria, una data di scadenza (oltre la quale non deve essere considerato valido) e un pattern per riconoscere i domini a cui rimandarlo. È possibile impostare più cookie in una sola risposta HTTP.

Il browser client rimanderà il cookie, senza alcuna modifica, allegandolo a tutte le richieste HTTP che soddisfano il pattern, entro la data di scadenza. Il server può quindi scegliere di assegnare il cookie di nuovo, sovrascrivendo quello vecchio. Il reinvio tramite pattern permette a tutti i sottodomini di un dato dominio di ricevere il cookie, se così si vuole.

I cookie vengono utilizzati per aggiungere uno stato ad un protocollo privo di stato. Senza i cookie non vi sarebbe differenza in una pagina caricata prima di effettuare un login, dalla stessa pagina caricata dopo. Dato che i cookie permangono nel sistema per lunghi periodi, i siti possono assegnare un indice all'utente e tenere traccia della sua navigazione all'interno del sito, solitamente allo scopo di creare statistiche.

I cookie possono essere utilizzati anche per tracciare la navigazione su siti terzi, nel caso in cui questi siti terzi utilizzino contenuti provenienti dal sito che ha impostato il cookie. Solitamente la pubblicità sui siti viene gestita da compagnie che hanno inserzioni su svariati siti internet.

Il contenuto della pubblicità stessa viene caricato direttamente dal loro server (tramite una richiesta http) e visualizzato in maniera integrata nel sito che l'utente desidera visitare. In questo modo il server della compagnia pubblicitaria riceverà dal browser dell'utente l'indirizzo della pagina che si sta visualizzando, e potrà inviare un cookie al client. Tramite questo meccanismo le società pubblicitarie possono creare profili personalizzati per gli utenti e mostrare loro pubblicità mirate.

 

La normativa in Italia? (da wikipedia)

In Italia la norma di riferimento relativamente ai cookie è l’art. 122[1] del D.lgs. 196/2003 che nella sua formulazione a fine maggio 2012 recepisce la direttiva comunitaria 2009/136/CE E-Privacy (che verrà ulteriormente modificata da un regolamento, e quindi non necessita di recepimento, che la Commissione europea sta preparando[2], e che dovrebbe vedere la luce entro il 2013).

Secondo tale articolo sarebbe necessario che l'utente, salvo casi particolari, sia informato e presti esplicitamente il consenso, prima che i cookie vengano salvati. Tale indicazione, pur se tesa a dare maggiori garanzie agli utenti, ha creato allerta negli operatori per il rischio che possa compromettere le modalità di navigazione come le conosciamo oggi[3].